Come promesso, oggi aggiorniamo il blog con il podcast della primissima puntata di The Needle. Sicuramente si è sentita l’emozione della diretta e dell’inesperienza, ma a noi piace così!

In questa puntata abbiamo parlato di:

Alkalinear Recordings
Etichetta irlandese di Gallway, fondata da Simon Matthews aka Ventolyn and Becotyde. I generi principali sono elettronica, glitch e IDM. Il primo pezzo è proprio del fondatore, “Primson tasty”, dall’album “Colour Gasping”.

Di tutti gli artisti ascoltati ci sono piaciuti di più:

MynameisjOhn, il preferito da Chiara soprattutto per il pezzo “Poppadoms do delivery”. Il primo pezzo si chiama “Portals”.  Il disco da cui abbiamo preso queste perle è “The thinker and the prover”.
Particolarità: nonostante siano rimontaggi home made, i video che trovate su Youtube rendono davvero giustizia a ogni canzone. Tipo questo:

Uncle Lew, con il brano “Cheetah”: tradizione hip hop rivisitata in chiave glitch electro. Lo trovate anche sotto il nome di River Phoenix (da ascoltare il suo Week 148)  e James Lewis, in cui si diletta con pezzi più ambient.
Ep da sentire assolutamente: “The change of plan”.

Rumbus Merrylegs, con “Printers”, sempre per rimanere in tema di commistioni di generi musicali electro e hip hop. L’album da cui è tratta si intitola “Concrete thoughts”.

Rat faced Boy. Misterioso artista che si fa chiamare anche Acid Burp. Nel nostro delirio tra glitch e drum’n’bass vi abbiamo fatto sentire “Sneak” da “Lonesome Road”.

Junior85, con un pezzo che ha rubato campionamenti ai Daft Punk “Raymondscott”. Dichiarato punta di diamante della scena irlandese, un ragazzo eclettico, molto particolare.

Eigenheimer, l’unico olandese dell’etichetta. Da “Backspine”, album di ben 23 pezzi, forse troppi, abbiamo estratto “Als jenluistert… doe det niet”, che significa qualcosa tipo “Se lo ascolti non farlo”. Si finisce con atmosfere ambient, lente, sognanti, nonostante lui non possa essere categorizzato in un preciso genere. la sua è una musica personale, istintiva.

E inoltre abbiamo imparato che:

-Piacenza è in Emilia Romagna, non in Lombardia.
-In radio si può passare il tempo non tanto a tarallucci e vino, ma a salame lucano e scamorza.
-Quando hai un problema con la lingua inglese, affidati a Google Translate.

Qui potete ascoltare il nostro podcast.

Oppure su Border Radio  cliccate la sezione podcast.

Alla prossima!

Claudia 

Annunci